Divisione Africa sub-sahariana e Francofonia

La Divisione coordina l’insieme delle relazioni della Svizzera con gli Stati e le organizzazioni regionali dell’Africa subsahariana, tra cui l’Unione africana, nonché con l’Organizzazione internazionale della Francofonia. Le relazioni toccano svariati ambiti: economia, sviluppo, pace e sicurezza, diritti umani e buongoverno, migrazione, ma anche cultura, scienza e tecnologia.

La Svizzera e l’Africa subsahariana

La Svizzera intrattiene buone relazioni con i 49 Paesi dell’Africa subsahariana e con le organizzazioni regionali africane, in seno alle quali difende i suoi interessi di politica estera. In quest’area, che comprende Paesi molto diversi tra loro, le attività della Svizzera coprono numerosi settori:

  • Economia e finanza: molti Stati dell’Africa subsahariana presentano un notevole potenziale di crescita economica. La Svizzera promuove gli scambi e gli investimenti nella regione per il tramite delle sue ambasciate e dei suoi consolati generali e grazie allo Swiss Business Hub situato a Pretoria.
  • Sviluppo e aiuto umanitario: la Svizzera facilita lo sviluppo di sistemi di buongoverno che garantiscano servizi di base alla popolazione e interviene nei contesti di crisi fornendo aiuto umanitario.
  • Pace e sicurezza: l’impegno di lunga data della Svizzera fa sì che le sue rappresentanze possano contribuire alla risoluzione pacifica e duratura dei conflitti. Il nostro Paese fornisce un sostegno soprattutto in termini di facilitazione e mediazione nell’ambito dei suoi buoni uffici.
  • Diritti umani e buongoverno: con i governi della regione la Svizzera porta avanti dialoghi sui temi legati ai diritti umani e al buongoverno, tra cui figurano la democrazia, l’abolizione della pena di morte e il rispetto di tali diritti da parte delle imprese.
  • Migrazione e asilo: la Svizzera si impegna nei settori della migrazione e dell’asilo sia nei Paesi di provenienza sia in quelli limitrofi, che accolgono il maggior numero di persone in fuga dalle aree di crisi. 
  • Scienza, tecnologia e cultura: le collaborazioni tra imprese e istituti di ricerca (università e scuole universitarie) svizzeri e dei Paesi dell’Africa subsahariana sono in aumento. Insieme al settore culturale, rappresentano un canale innovativo di scambio e di sviluppo delle relazioni che coinvolge anche la società civile.

Le organizzazioni regionali africane svolgono un ruolo sempre più rilevante nel definire gli orientamenti della politica interna ed estera dei rispettivi Stati membri. La Svizzera intensifica i contatti con l’Unione africana (UA), la principale organizzazione regionale nel continente, con cui realizza progetti volti a rafforzare la pace e la sicurezza.

La Svizzera si adopera inoltre per il potenziamento della capacità delle organizzazioni subregionali, tra cui la Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS), l’Autorità intergovernativa per lo sviluppo (IGAD), la Comunità dell’Africa orientale (EAC) e la Comunità di sviluppo dell’Africa meridionale (SADC).

Ruolo della Divisione Africa subsahariana e Francofonia

La Divisione ha il compito di garantire una visione d’insieme di tutte queste attività e di coordinarle all’interno dell’Amministrazione federale collaborando con le rappresentanze della Svizzera negli Stati dell’Africa subsahariana e con le rappresentanze di tali Paesi accreditate in Svizzera. La Divisione è inoltre responsabile dell’organizzazione di visite ufficiali del Consiglio federale e di consultazioni politiche con gli Stati della regione.

In questo modo contribuisce attivamente a definire la politica estera della Svizzera nell’Africa subsahariana e ad attuarla in maniera coerente ed efficace, rispettando gli obiettivi sanciti dalla Costituzione federale e tutelando gli interessi della Svizzera.

Servizio Francofonia

Il Servizio Francofonia si occupa del coordinamento della politica svizzera in seno all’Organizzazione internazionale della Francofonia (OIF). L’OIF comprende 84 Stati e Governi con statuto di membri, osservatori o associati. Circa un terzo di questi Stati si trova nell’Africa sub-sahariana.

Nell’ambito della Francofonia la Svizzera si impegna soprattutto per la democrazia, la pace e i diritti umani nonché per lo sviluppo della formazione professionale negli Stati membri e per la promozione della diversità culturale e linguistica. In stretta collaborazione con i servizi federali interessati e con la Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE), il Servizio Francofonia elabora la posizione sostenuta dalla Svizzera all’interno dei tre organi principali, ossia la Conferenza dei capi di Stato e di Governo, la Conferenza ministeriale e il Consiglio permanente della Francofonia. Collabora inoltre alla preparazione di eventi (Vertice della Francofonia, Settimana della lingua francese e della Francofonia, workshop) ed è in costante contatto con le rappresentanze all’estero.

Rete delle rappresentanze della Svizzera nell’Africa subsahariana

© DFAE