Validi il:
Diffusi il: 23.08.2018

Aggiornamenti dei seguenti capitoli: Valutazione sommaria (manifestazioni violente a Kampala) e Criminalità (sequestri con richieste di riscatto )


Consigli di viaggio – Uganda

I consigli di viaggio poggiano su un'analisi della situazione attuale effettuata dal DFAE. Sono permanentemente controllati e se necessario aggiornati.
Si prega inoltre di leggere anche le raccomandazioni generali per tutti i viaggi come pure la rubrica focus, parte integrante dei presenti Consigli di viaggio.

Valutazione sommaria

La situazione politica in Uganda può essere definita relativamente stabile. Tuttavia, proteste di strada e scontri violenti con le forze di sicurezza sono possibili. Per esempio, in agosto 2018, delle manifestazioni violente a Kampala hanno provocato morti e feriti.
A causa della presenza militare ugandese in Somalia (AMISOM - contingenti militari), in Uganda vi è il rischio di attacchi perpetrati dall'organizzazione terroristica somalese Al-Shabaab. Si consiglia di essere prudenti, specialmente nei posti pubblici come ad esempio mercati, alle stazioni dei bus, le chiese, nei dintorni di rappresentanze diplomatiche o uffici del governo, durante eventi e in altri luoghi visitati da stranieri come i centri commerciali o alberghi, in particolar modo a Kampala. La rubrica terrorismo e sequestri rende attenti ai pericoli del terrorismo.

Terrorismo e sequestri

Informarsi prima e durante il viaggio tramite i media e la propria agenzia di viaggio in merito allo stato attuale della sicurezza. Evitare gli assembramenti e le manifestazioni di qualsiasi tipo, poiché esiste il pericolo di scontri violenti, durante i quali l’impiego di armi da fuoco non può essere escluso.

Pericoli locali specifici

Per quanto riguarda la descrizione delle zone a rischio, le indicazioni fornite sono approssimative; i pericoli non possono essere circoscritti esattamente a una precisa regione.

Nord e Nordest: La situazione di sicurezza è precaria. Nelle regioni settentrionali bande criminali e faide tribali minacciano la sicurezza. Il conflitto nel Sudan del Sud ha delle ripercussioni sulla situazione di sicurezza nelle regioni confinanti con l’Uganda. Vi è inoltre pericolo di mine. Sono sconsigliati i viaggi nelle seguenti regioni del Paese: Karamoja (Distritti di Kaabong, Nakapiripirit, Moroto, Katakwi, Kotido). Osservare la più grande prudenza nelle province: Lira, Pader, Kitgum, Apac, Gulu (incluso il parco nazionale di Murchinson Falls), Adjumani, Moyo e Yumbe. Si raccomanda di recarsi al Parco Nazionale di Kidepo unicamente per via aerea.

Regioni alla frontiera con la Repubblica Democratica del Congo (Kinshasa): diversi gruppi di ribelli del Paese confinante vi effettuano occasionalmente incursioni. Vi è il pericolo di mine terrestri. La sorveglianza dei parchi nazionali da parte delle forze di sicurezza ufficiali non è sempre garantita in tali zone. Da maggio 2012 i conflitti tra le truppe governative e le milizie nella Repubblica Democratica del Congo vicino alla frontiera con l’Uganda, hanno scatenato maree di profughi in fuga nella zona di Kisoro, angolo sudovest dell’Uganda. Sono sconsigliati i viaggi nelle regioni alla frontiera con la Repubblica Democratica del Congo e nel distritto di Kisoro.

Provincia di Kasese: Alla fine novembre 2016 ci sono stati degli scontri violenti in Kasese fra le forze dell’ordine e sostenitori del regno locale Rwenzururu che hanno fatto più di 120 morti e parecchi feriti. La presenza delle forze dell’ordine sul posto è stata consolidata. Non si possono escludere altre manifestazioni e neppure il rischio di ritrovarsi improvvisamente in uno scontro violento. Prima di recarsi nella regione di Kasese informarsi presso le autorità locali o presso il proprio operatore turistico in merito alla situazione di sicurezza attuale e alla fattibilità del viaggio. Farsi accompagnare da una guida locale di fiducia ed esercitare la massima prudenza. Si consiglia di evitare le manifestazioni e i raduni di massa di ogni genere nonché di attenersi alle istruzioni delle autorità locali.

Le altre regioni del Paese vanno visitate con la massima prudenza e previo chiarimento della situazione con le autorità di sicurezza locali. Si raccomanda di visitare i parchi nazionali mediante escursione organizzata e con una guida locale fidata. Seguire le direttive delle amministrazioni dei parchi.

Criminalità

Sui percorsi interurbani di tutto il Paese esiste il pericolo di assalti da parte di briganti armati (talvolta con conseguenze fatali), in particolare durante la notte. La microcriminalità è presente soprattutto nelle città. I sequestri con richieste di riscatto sono in aumento.
Si raccomanda di osservare in particolare le seguenti misure precauzionali:

  • Se non avvezzi al Paese, viaggiare di preferenza aggregati a una comitiva organizzata
  • tenere chiuso il finestrino dell'auto e mettere la sicura alle portiere;
  • per ridurre il rischio di attacchi e di incidenti, intraprendere l'attraversamento del Paese di preferenza in gruppi di più veicoli ed esclusivamente durante il giorno;
  • evitare in generale le passeggiate notturne;
  • rifiutare bevande o cibi offerti da persone sconosciute che potrebbero essere malintenzionate. Vi è infatti il rischio che le bevande o i cibi siano drogati al fine di rapinare i turisti privi di conoscenza;
  • le persone che si fanno riconoscere in pubblico come omosessuali possono essere oggetto di aggressioni;
  • non opporre resistenza in caso di aggressione, giacché la predisposizione alla violenza è in aumento.
  • usare con prudenza la carta di credito, giacché l’abuso è diffuso.

Trasporti e infrastrutture

Fuori dagli assi principali le strade sono sovente in cattivo stato. Il comportamento imprevedibile di molti utenti della strada e la scarsa manutenzione dei veicoli provocano incidenti (anche nei viaggi con autobus che attraversano il Paese). Si consiglia pertanto di evitare se possibile i viaggi notturni.

Disposizioni giuridiche specifiche

Gli atti omosessuali sono punite con diversi anni di detenzione. È vietato fotografare le persone senza il loro consenso, le installazioni militari e gli edifici pubblici (aeroporti, ponti, ecc.). Le infrazioni alla legge sugli stupefacenti sono severamente punite già a partire da piccole quantità di qualsiasi tipo di droga. Le condizioni di detenzione sono particolarmente dure.

Per i delitti gravi, per es. assassinio o violenza sessuale, può essere pronunciata la pena di morte.

Pericoli naturali

L’Uganda si trova in una zona sismica attiva. Durante la stagione delle piogge delle forti precipitazioni possono causare delle frane.

Se durante il soggiorno dovesse verificarsi un terremoto di una certa entità, si raccomanda di mettersi immediatamente in contatto con i propri famigliari e di seguire le direttive delle autorità locali.

Assistenza medica

L'assistenza medica è precaria. Gli ospedali richiedono una garanzia finanziaria prima di trattare i pazienti (carta di credito o pagamento anticipato). Può essere utile munirsi di materiale proprio per bendaggi e di siringhe monouso. Malattie e ferite serie devono venire curate all'estero (Europa o Sudafrica).
Se si necessita di particolari farmaci, occorre prevederne una scorta sufficiente. Va ricordato tuttavia che in molti Paesi vigono prescrizioni particolari per portare con sé medicinali contenenti sostanze stupefacenti (ad esempio il metadone) e sostanze per la cura di malattie psichiche. Si consiglia di informarsi eventualmente prima del viaggio direttamente presso la rappresentanza estera competente (ambasciata o consolato) e di consultare la rubrica Link per il viaggio, dove figurano ulteriori informazioni su questo argomento e in generale sul tema viaggi e salute.
Medici e centri di vaccinazione informano in merito al diffondersi di malattie e alle possibili misure di protezione.

Indirizzi utili

Numero di emergenza: 999

Rappresentanze svizzere all'estero: in caso di emergenza all'estero, è possibile rivolgersi alla rappresentanza svizzera più vicina (Nairobi/Kenia) o alla Helpline DFAE.
Ambasciata di Svizzera a Nairobi
Helpline DFAE


Rappresentanze estere in Svizzera: per ottenere informazioni in merito all'entrata nel Paese (documenti autorizzati, visti, ecc.) occorre rivolgersi all'ambasciata o al consolato competente. Quest'ultimi danno inoltre ragguagli sulle prescrizioni doganali per l'importazione o l'esportazione di animali o di merci: apparecchi elettronici, souvenir, medicamenti, ecc.
Rappresentanze estere in Svizzera

Clausola di esclusione della responsabilità
I Consigli di viaggio del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) poggiano su fonti d'informazione proprie, reputate degne di fede. I Consigli di viaggio sono utili indicazioni ausiliarie per programmare un viaggio in modo accurato. Il DFAE non si assume tuttavia la responsabilità né della pianificazione né dello svolgimento del viaggio.
Le situazioni di pericolo sono spesso imprevedibili e confuse e possono mutare rapidamente. Il DFAE non garantisce la completezza dei consigli di viaggio e la correttezza delle informazioni riportate nelle pagine esterne collegate al sito. Declina ogni responsabilità per eventuali danni legati a un viaggio. Le pretese derivanti dall’annullamento di un viaggio vanno avanzate direttamente all’agenzia di viaggio o alla compagnia presso la quale si è stipulata l’assicurazione di viaggio.