Tanzania

La Svizzera contribuisce a combattere la povertà nel corridoio centrale che attraversa la Tanzania (regioni attorno a Dodoma). Si adopera per garantire l’accesso a cure mediche di qualità e per promuovere la creazione di posti di lavoro, l’aumento dei redditi nelle regioni rurali e il rafforzamento della società civile e dei media indipendenti.

Cartina della Tanzania
© DFAE

Da diversi decenni la Tanzania registra un progressivo miglioramento del proprio indice di sviluppo umano (ISU; in inglese Human Development Index, HDI), ma è ancora ferma al 154° posto in una classifica con 189 Paesi (dato del 2017). Questo piazzamento è dovuto in particolare alle disuguaglianze tra la popolazione rurale e quella urbana. Nelle campagne, infatti, oltre il 30% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà, mentre a Dar Es Salam la quota scende al 4%. L’obiettivo della Tanzania è diventare un Paese a reddito medio entro il 2025.

La Tanzania ha fatto progressi anche dal punto di vista sociale, sebbene il livello di raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 vari notevolmente da settore a settore: il Paese ha praticamente raggiunto la scolarizzazione universale, ma presenta ancora problemi in termini di qualità dell’istruzione. Anche la mortalità infantile è fortemente diminuita, ma la condizione delle donne, in particolare delle più giovani, rimane precaria soprattutto a causa dell’alto tasso di matrimoni e gravidanze precoci nonché delle frequenti violenze nei loro confronti.

Salute

Cure accessibili e di qualità

La Svizzera promuove l’erogazione di cure mediche di qualità per le popolazioni delle zone più remote della Tanzania. Il suo impegno si concentra sul consolidamento del sistema di finanziamento delle cure, sul decentramento del sistema sanitario e sulla promozione di progetti di ricerca che consentano di definire le priorità mediche del Paese.

Lotta alla malaria

La DSC sostiene il Governo della Tanzania nella realizzazione del programma nazionale di lotta contro la malaria, che tra il 2005 e il 2016 ha contribuito a ridurre del 50% il tasso di mortalità per questa malattia.

La salute - Fattore essenziale dello sviluppo

Buongoverno

Trasparenza e responsabilità

La Svizzera promuove gli scambi tra la società civile e le autorità al fine di favorire una cultura della trasparenza e della responsabilità nei confronti delle cittadine e dei cittadini. Mira inoltre a potenziare le capacità delle autorità locali per migliorare la qualità delle loro prestazioni e sostiene il Governo nella lotta alla corruzione.

La cooperazione svizzera fornisce un aiuto finanziario ai media indipendenti, in particolare alle radio rurali, allo scopo di offrire ai cittadini un’informazione di qualità che consenta loro di far valere i propri diritti in modo più efficace.

Prevenzione dei conflitti

La Svizzera garantisce l’attuazione delle misure di prevenzione dei conflitti. Lo scopo è rafforzare il dialogo intercomunitario coinvolgendo in particolare i leader religiosi.

Democratizzazione - Nessun aiuto efficace senza democratizzazione

Fragilità e violenza: ostacoli per la lotta contro la povertà

Sviluppo economico

Organizzazioni di contadini che difendono i propri interessi

La Svizzera sostiene lo sviluppo di filiere agricole che offrano opportunità economiche alla popolazione rurale, in particolare alle donne e ai giovani. Le organizzazioni di contadini devono poter difendere gli interessi dei rispettivi membri e far sì che tali interessi vengano considerati nelle politiche nazionali al fine di migliorare le loro condizioni di vita.

Più lavoro per i giovani

La Svizzera contribuisce a migliorare l’accesso dei giovani al mercato del lavoro adeguando l’offerta di formazione professionale alle competenze richieste dai datori di lavoro. La DSC sostiene progetti di formazione professionale per i giovani non scolarizzati nelle zone rurali e interviene anche a monte sul sistema di formazione professionale, contribuendo a migliorare la formazione degli insegnanti e a sviluppare programmi adeguati.

Riforme economiche e dello Stato

Temi trasversali

Uguaglianza tra donne e uomini e HIV/AIDS

In tutti i suoi progetti la Svizzera si impegna a favore dell’uguaglianza tra donne e uomini. Presta inoltre particolare attenzione ai temi della prevenzione dell’HIV/AIDS, attraverso un lavoro di sensibilizzazione, e della lotta contro la discriminazione.

Uguaglianza tra donna e uomo – Questioni di genere e diritti delle donne

Approccio e partner

La Svizzera coordina il suo aiuto con le autorità tanzaniane, altri Paesi donatori e organizzazioni internazionali. Per i suoi interventi concreti collabora con organizzazioni tanzaniane, svizzere e internazionali secondo varie modalità (contributi di progetto, mandati).

  • ONG svizzere: Helvetas Swiss Inter­cooperation, Swisscontact, Solidarmed
  • Ricerca: Istituto tropicale e di salute pubblica svizzero, Ifakara Health Institute
  • Governo: ministeri, amministrazione regionale/locale
  • ONG tanzaniane: per esempio Fondazione per la società civile (Foundation for Civil Society), Tanzania Media Fund, Policy Forum, Tanzanian Forest Conservation Group, Agriculture Non-State Actors Forum (ANSAF), MWIVATA (national network of smallholders farmers)
  • ONG internazionali: SNV, Simavi
  • Organizzazioni multilaterali: Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Banca Mondiale, UNESCO
  • Donatori bilaterali: agenzie pubbliche di sviluppo (Germania, Norvegia, Svezia, Danimarca, Irlanda)

Storia della cooperazione

Progetti in una sola regione

La cooperazione svizzera è attiva in Tanzania dal 1960. Nel 1981 l’apertura di un Ufficio di cooperazione a Dar es Salaam ha consentito di intensificare le attività. Il programma tiene conto della strategia di riduzione della povertà della Tanzania ed è coordinato con gli interventi di altri Paesi e organizzazioni internazionali. Il dialogo politico e tecnico con i partner si svolge a livello centrale e locale. La strategia di cooperazione della Svizzera in Tanzania 2015-2020 mira a ridurre la povertà nel Paese sostenendo lo sviluppo di una società equa e una crescita per tutti.

Progetti attuali

Oggetto 1 – 12 di 30

Progetto pianificato

Towards Elimination of Malaria in the United Republic of Tanzania (TEMT)

01.04.2024 - 31.03.2032

Tanzania made massive progress in malaria control through innovative approaches over the past decade. To sustain and expand these results, the program will capacitate Tanzanian institutions to engage in subnational, intersectoral and cross borders malaria elimination strategies in the region whilst continuously informing the global malaria policies and technical guidelines with practices from Tanzania. Switzerland is a recognised global expert in malaria, providing a strong rational for a renewed Swiss commitment towards “a malaria free world” by 2030.


Progetto pianificato

FutureLife-Now!

01.01.2023 - 31.12.2030

‘FutureLife now! enhances primary HIV prevention and support treatment among young people. It will operate through schools and education systems and create synergies with health and climate change in line with Agenda 2030 and the goal to end the AIDS epidemic by 2030. SDC’s longstanding commitment, acknowledged by SADC[1] Member States, is unique. It offers a distinct comparative advantage over short-term programs and is a prerequisite for systemic and positive behavioral change.

[1] Southern African Development Community (SADC)


Progetto pianificato

Skills for Employment Tanzania – SET

01.07.2022 - 31.12.2029

This multi-layered program aims at enhancing prospects of gainful youth (self-) employment through a contribution to improved access to agricultural skills, and cross sectorial support to relevance and quality of Vocational Skills Development (VSD) by fostering existing institutions. Focus is placed on the coordination of skills providers and market players and on innovative solutions. The aim is to generate wide impact in order to significantly address the needs in VSD, particularly those of women.


Progetto pianificato

Domestic accountability and local revenue mobilisation

01.01.2020 - 31.12.2023

The project will support national and local government actors to increase local revenue generation alongside improving their capacities to exercise internal and external control functions. Equally importantly, dialogue and exchange between the local population and local authorities will also be fostered in order to make the collection and use of public funds more transparent, local authorities’ behaviour more accountable and thus improve service delivery.


Strengthening Agro-biodiversity in Southern Africa

01.09.2019 - 31.08.2022

The project’s goal is to strengthen food security in Southern Africa by promoting seed diversity and agro-ecological practices through an inclusive, evidence-based dialogue with governments at regional and country levels by empowered farmer’s and farmer support organizations.  


Sexual and Reproductive Health and Rights and HIV in prisons

01.10.2018 - 31.07.2024

Prisoners are a high-risk group when it comes to HIV and other communicable diseases. Nonetheless, little attention has been paid so far to address the need for HIV and AIDS and other health services in prisons. The project will improve HIV and health services for prisoners, including young women and men in seven countries of Southern Africa. At regional level, it will address policy issues that are adversely affecting the prison conditions and the rights of prisoners in the context of health and nutrition.


Gender transformative SRHR Systems for Improved HIV prevention

01.04.2018 - 31.03.2021

This programme contributes to the reduction of HIV infections and the improvement of sexual and reproductive health status of adolescents and young people in five Southern African countries. It strengthens capacities of communities and governments in mapping and addressing HIV and Sexual Reproductive Health and Rights (SRHR) needs of young people and advocates for integrated regional policies and frameworks.


Regional Arts and Culture Programme (RACP)

01.01.2018 - 31.12.2020

Southern Africa has a strong artistic heritage and cultural tradition which exudes from the talent of its diverse people. However, this rich heritage has been stifled by the lack of capacity, networking and resources among artists in the region. Through this programme, Switzerland supports art organisations and individual artists in Southern Africa to bring fresh perspectives, build on available cultural resources and strengthen the arts and culture sector’s contribution to development in the region.


Grain Post-Harvest Loss Prevention (GPLP)

01.11.2017 - 31.03.2020

GPLP aims at improving food security and income of small holder men and women farmers in the Central Corridor of Tanzania by addressing major constraints in post-harvest practice, access to improved technologies and adoption, knowledge sharing and related policies. Helvetas Swiss Intercooperation is implementing GPLP using a market system development approach and working through multi-stakeholder partnerships with private sector and public organizations. This is the second and exit phase of GPLP.


Regional Vulnerability Assessment and Analysis (RVAA)

01.08.2017 - 31.07.2021

The project supports the Southern African Development Community (SADC) and its Member States in reducing vulnerability of households to disaster risks by increasing their preparedness for response and recovery and in strengthening their resilience. This will be achieved through institutionalising and sustaining vulnerability assessments and analyses systems that enhance emergency and developmental responses at national and regional levels.


Rural Resilience in Southern Africa / R4 Initiative

01.07.2017 - 30.06.2021

The project builds resilience of smallholder farmer households in three countries in Southern Africa (Malawi, Zambia and Zimbabwe) by enabling their adaptation to climate risk through a community oriented and market based risk management comprehensive approach. The initiative combines improved resource management (risk reduction), insurance (risk transfer), livelihoods diversification and microcredit (prudent risk taking) and savings (risk reserves). The combined interventions are carefully adapted to each country context.


SCOPE - Sustaining a Culture of Peace

01.03.2017 - 31.12.2025

Increasing tensions based on political, religious, socio-economic and natural resource-based conflicts indicate that Tanzania’s culture of peace needs strengthening. SDC will therefore promote the use of peaceful means to prevent and deal with conflicts. It will support the Government to establish a conflict early warning and response system, and state and non-state actors to increase public space to address conflictual topics, in particular for women and marginalized.

Oggetto 1 – 12 di 30