Relazioni bilaterali Svizzera–Giordania

Nell’ottobre del 2015 il consigliere federale Didier Burkhalter ha visitato la Giordania e ha incontrato il ministro degli esteri giordano. Al centro delle relazioni bilaterali tra Svizzera e Giordania vi sono l’importante impegno dell’Aiuto umanitario della Confederazione, la condivisione di vedute politiche nonché le imprese e la comunità svizzera in Giordania.

Priorità delle relazioni diplomatiche

Oltre a essere uno Stato-chiave per i contatti politici della Svizzera con il Vicino Oriente, la Giordania è anche la principale zona d’intervento dell’aiuto umanitario svizzero in questa regione. L’ufficio di cooperazione regionale della DSC ad Amman coordina progetti in Giordania, Siria, Libano e Iraq.

Banca dati dei trattati internazionali 

Cooperazione economica

La situazione geopolitica della regione impedisce di rafforzare i rapporti economici e di conseguenza di sfruttare pienamente il potenziale delle relazioni commerciali. In Giordania sono presenti imprese svizzere che operano nel settore farmaceutico, turistico e gastronomico. Molte aziende con relazioni commerciali con la Svizzera sono membri del Swiss-Jordanian Business Club, fondato nel 2006 su iniziativa dell’ambasciata svizzera.

Un progetto inserito nel quadro della cooperazione economica dalla SECO, e gestito in stretta collaborazione con la DSC, è dedicato al finanziamento di circa 143 ambulanze, accompagnato da misure per la formazione e la garanzia della qualità. Il relativo accordo è stato firmato dall'allora presidente della Confederazione in occasione della sua visita in Giordania nell’ottobre del 2010.

Sostegno commerciale, Switzerland Global Enterprise

Cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario

L'ufficio di coordinamento della DSC si occupa del programma regionale per la Giordania, il Libano, l’Iraq e la Siria e si prefigge di creare condizioni di vita sicure e pacifiche per

  • i profughi
  • gli sfollati interni
  • i gruppi più vulnerabili
  • le comunità esposte a un particolare rischio di calamità naturali

La Giordania è la principale regione d’intervento dell’aiuto umanitario svizzero, il cui obiettivo è fornire assistenza ai profughi palestinesi nella regione. La Svizzera offre inoltre un aiuto umanitario significativo nel quadro della protezione e dell’assistenza della popolazione civile più colpita in Siria e dei profughi  siriani nei Paesi vicini.

Cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario

Scambi culturali

Dal 2004 la fondazione culturale Pro Helvetia e un’istituto partner giordano organizzano ogni anno uno scambio culturale offrendo residenze per artisti provenienti dalla Svizzera e dalla Giordania.

Le svizzere e gli svizzeri in Giordania

Alla fine del 2015 vivevano in Giordania 301 cittadini svizzeri.

Storia delle relazioni bilaterali

La Svizzera ha riconosciuto il Regno di Giordania nel 1949. Nel 1970 ha aperto un’ambasciata e nel 2001 un ufficio di coordinazione della DSC ad Amman. Fino al 2008 la Giordania è stato un Paese prioritario della cooperazione economica della SECO.

Nel 1812 lo svizzero Johann Ludwig Burckhardt riportò alla luce l’antica città di Petra oggi considerata patrimonio mondiale dell’umanità.

Giordania, dizionario storico della Svizzera