Pericolo di sequestro nel Sahara e nel Sahel

In molte regioni del Sahara e del Sahel sono attive bande armate e terroristi islamici che vivono di contrabbando e di sequestri. Sono perfettamente organizzati, operano anche al di là dei confini nazionali e hanno contatti con gruppi criminali locali.

In alcune regioni il rischio di sequestro è molto elevato.

Dal 2009, diverse persone straniere sono state sequestrate nelle zone del Sahara/Sahel. Si trattava di persone in viaggio per turismo nonché personale di organizzazioni assistenziali e di aziende straniere, tra cui:

  • in gennaio 2023, al meno 20 persone locali in diversi villaggi nelle regioni di Menaka, Mopti e Timbuktu (Mali)
  • il 23 gennaio 2023, un medico dell’Organizzazione mondiale della sanità a Menaka (Mali)
  • il 12/13 gennaio 2023, circa 50 donne ad Arbinda (provincia di Soum, Burkina Faso)
  • il 19 dicembre 2022, un operatore umanitario a Gao (Mali)
  • il 20 novembre 2022, un prete tedesco è scomparso a Bamako (Mali). Si teme un rapimento.
  • il 28 ottobre 2022, un ambientalista di nazionalità francese e australiana nella regione di Wadi Fira (Ciad)
  • il 29 settembre 2022, un turista di nazionalità thailandese a Kemparana (regione di Ségou, Mali)
  • il 19 maggio 2022, una persona di nazionalità togolese e tre persone di nazionalità italiana nella regione di Sikasso (Mali)
  • il 5 aprile 2022, una suora americana nella provincia di Namentenga, Burkina Faso
  • il 29 dicembre 2021, un operatore umanitario nigerino nei pressi di Gao (Mali)
  • il 17 luglio 2021, tre persone di nazionalità cinese e due persone di nazionalità mauritana nella regione di Koulikoro (Mali)
  • in giugno 2021, due persone di nazionalità cinese nei pressi di Mbanga nella regione di Tillaberi (Niger)
  • l’8 aprile 2021, un giornalista francese a Gao (Mali)

Diverse persone si trovano ancora nelle mani dei rapitori.

Prima di pianificare un viaggio in queste regioni, consultare i consigli di viaggio dei singoli Paesi.
Destinazioni di viaggio

Terrorismo e sequestri

Clausola di esclusione della responsabilità
I Consigli di viaggio del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) poggiano su fonti d'informazione proprie, reputate degne di fede. I Consigli di viaggio sono utili indicazioni ausiliarie per programmare un viaggio. Il DFAE non si assume tuttavia la responsabilità né della pianificazione né dello svolgimento del viaggio.
Le situazioni di pericolo sono spesso imprevedibili e confuse e possono mutare rapidamente. Il DFAE non garantisce la completezza dei consigli di viaggio e la correttezza delle informazioni riportate nelle pagine esterne collegate al sito. Declina ogni responsabilità per eventuali danni legati a un viaggio. Le pretese derivanti dall’annullamento di un viaggio vanno avanzate direttamente all’agenzia di viaggio o alla compagnia presso la quale si è stipulata l’assicurazione di viaggio.

Ultima modifica 02.02.2023

Contatto

+41 800 24-7-365 / +41 58 465 33 33

365 giorni all'anno - 24 ore su 24

La Helpline DFAE funge da interlocutore per rispondere alle domande riguardanti i servizi consolari.

Fax +41 58 462 78 66

helpline@eda.admin.ch

vCard Helpline DFAE (VCF, 5.5 kB)

Twitter

Chiamata gratuita dall’estero con Skype

Se l’applicazione Skype non è installata sul computer o sullo smartphone apparirà un messaggio di errore. In tal caso installare l’applicazione cliccando sul link seguente: 
Download Skype

Skype: helpline-eda

Inizio pagina