Relazioni bilaterali Svizzera–Nigeria

La Nigeria è uno dei Paesi più importanti per la tutela degli interessi svizzeri nell'Africa sub-sahariana. Le relazioni, buone e strette, non comprendono esclusivamente aspetti economici, bensì anche incontri politici ad alto livello, colloqui istituzionalizzati su questioni legate ai diritti dell'uomo nonché un partenariato in materia di migrazione.

Priorità delle relazioni diplomatiche

Le relazioni bilaterali tra la Svizzera e la Nigeria sono incentrate sulla cooperazione economica, sulle questioni migratorie e sui diritti dell'uomo. Questi temi vengono approfonditi nel quadro di incontri bilaterali organizzati a intervalli regolari.

Una volta l'anno si tengono consultazioni politiche ad alto livello su varie questioni politiche. In occasione di tali consultazioni, i due Paesi coordinano anche la cooperazione bilaterale e multilaterale. Inoltre, sempre a cadenza annuale, si svolgono colloqui sul tema dei diritti dell'uomo.

Nel 2011 la Svizzera e la Nigeria hanno deciso di avviare un partenariato in materia di migrazione, che costituisce il fulcro delle relazioni bilaterali. I due Paesi si sono impegnati a promuovere insieme gli aspetti positivi della migrazione e a contrastare quelli negativi.

La Nigeria ha accettato un accordo di riammissione in base al quale i connazionali immigrati illegalmente in Svizzera vengono riammessi nel loro Paese. La cooperazione tecnica tra le varie autorità mira ad agevolare questo processo.

Dal canto suo, la Svizzera sostiene il rientro dei cittadini nigeriani nel loro Paese mediante l'aiuto al ritorno e progetti nell'ambito dell'istruzione. Con apposite campagne d'informazione, la Svizzera cerca di sensibilizzare la popolazione in Nigeria esortandola a rimanere nel Paese e a non entrare in Svizzera in modo illegale.

Trattati bilaterali

Progressi nel partenariato migratorio tra la Svizzera e la Nigeria, anche per i settori dell’asilo e del ritorno / 20.6.2013

Cooperazione economica

Per la Svizzera, la Nigeria è il secondo partner commerciale più importante in Africa meridionale dopo il Sudafrica. Dalla Nigeria viene importato soprattutto il greggio, mentre le esportazioni verso il Paese africano riguardano prevalentemente macchinari, farmaci, altri prodotti dell'industria chimica e tessili. La bilancia commerciale della Svizzera è fortemente negativa a causa delle importazioni di petrolio. In Nigeria, soprattutto nel Sud del Paese, si trovano da 60 a 70 aziende svizzere. Tali aziende hanno effettuato investimenti diretti per circa 300 mio USD e occupano circa 4000 persone.

Dal 1980 è in vigore un accordo sui servizi aerei e nel 2000 i due Paesi hanno concluso un ulteriore accordo concernente la promozione e la protezione reciproche degli investimenti. Inoltre, sempre a partire dagli anni 1980, sono stati attuati vari accordi di conversione del debito a favore della Nigeria.

La Svizzera è stato il primo Paese a restituire complessivamente alla Nigeria 700 milioni di dollari USA, che erano stati sottratti dall'ex dittatore Abacha e dalla sua famiglia. È nell'interesse della piazza finanziaria svizzera evitare di trasformarsi in una roccaforte per capitali illeciti.

Promozione del commercio (Switzerland Global Enterprise)

Segreteria di Stato dell’economia SECO / Informazioni sul paese

Cooperazione nel settore dell’istruzione

I ricercatori e gli artisti nigeriani possono candidarsi per una borsa di studio d’eccellenza universitaria della Confederazione Svizzera presso la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI).

Il partenariato in materia di migrazione promuove progetti che consentono alle cittadine e ai cittadini nigeriani di seguire una formazione in Svizzera per determinate professioni.

Borse d’eccellenza della Confederazione svizzera

Promozione della pace e sicurezza umana

Con diversi progetti e interventi, la Svizzera cerca di migliorare la sicurezza delle persone in Nigeria.

Scambi culturali

Gli scambi culturali tra la Svizzera e la Nigeria sono limitati. La Svizzera partecipa alla settimana della lingua italiana e alle settimane della francofonia che si svolgono ogni anno ad Abuja.

Le svizzere e gli svizzeri in Nigeria

Alla fine del 2015 in Nigeria vivevano 282 cittadini svizzeri, la maggior parte dei quali a Lagos.

Storia delle relazioni bilaterali

La Svizzera ha riconosciuto la Repubblica federale della Nigeria il 1° ottobre 1960, il giorno dell'indipendenza dalla Gran Bretagna. Poco dopo i due Paesi hanno avviato relazioni diplomatiche e l'anno successivo la Svizzera ha aperto un’Ambasciata a Lagos.

Nel 2001 la Svizzera ha trasferito la sua ambasciata nella nuova capitale Abuja. Dal 2004 esiste inoltre un Consolato onorario a Lagos.

Iscrizione nel Dizionario storico della Svizzera