La Svizzera e l’UNIDO lanciano un programma di rafforzamento dell’infrastruttura di qualità

Media release, 27.11.2017

Lunedì 27 novembre 2017, alla 17esima Conferenza generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO) a Vienna, la presidente della Confederazione Doris Leuthard ha parlato delle vie verso un’industrializzazione sostenibile. La Svizzera e l’UNIDO hanno inoltre lanciato una dichiarazione congiunta su un programma che rafforza l’infrastruttura di qualità (p. es. norme, metrologia e laboratori di prova) in Paesi prioritari della cooperazione internazionale della Svizzera. La presidente ha poi incontrato per colloqui separati il presidente della Repubblica austriaca Alexander Van der Bellen e il cancelliere federale Christian Kern.

«Per la Svizzera l’infrastruttura, sia essa digitale o analogica, è un ambito imprescindibile per un impegno importante. La Svizzera e l’infrastruttura: una questione che ci sta particolarmente a cuore. Nel corso degli anni e dei decenni da noi sono sorte una vasta rete di strade e tratte ferroviarie, la rete elettrica nonché l’infrastruttura digitale, ad esempio l’accesso Internet a banda larga. Nel mio Paese caratterizzato da montagne alte e colline, abbiamo sempre dovuto essere innovativi per trovare soluzioni sostenibili adatte. Questa volontà d’innovazione la condividiamo con l’UNIDO», ha spiegato la presidente della Confederazione.

La presidente e il direttore generale dell’UNIDO LI Yong hanno lanciato congiuntamente un nuovo programma di qualità e standard in Paesi prioritari della cooperazione allo sviluppo svizzera. Obiettivo del programma è migliorare l’infrastruttura di qualità (p. es. le istituzioni per norme, metrologia e accreditamento, nonché laboratori di prova) nei Paesi partner, consolidandone l’integrazione sui mercati internazionali. Gli investimenti ammontano a circa 17 milioni di franchi su cinque anni.

Alla 17esima Conferenza generale dell’UNIDO i partecipanti hanno discusso, all’insegna del motto «Partnering for impact – achieving the Sustainable Development Goals» (Assieme per un risultato migliore – raggiungimento degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile), delle vie verso un’industrializzazione sostenibile a livello mondiale. La Svizzera fa parte dei principali finanziatori dell’UNIDO ed è membro del Consiglio di sviluppo industriale, che controlla l’attuazione del programma di lavoro e l’impiego del preventivo.

La presidente della Confederazione Leuthard ha colto l’opportunità per condurre, a margine della Conferenza generale dell’UNIDO, colloqui bilaterali con capi di Stato e di Governo, nonché con rappresentanti di organizzazioni internazionali. Inoltre, ha incontrato separatamente per colloqui il presidente della Repubblica austriaca Alexander Van der Bellen e il cancelliere federale austriaco Christian Kern.

Oltre all’apprezzamento delle relazioni bilaterali e uno scambio di vedute su temi attuali di politica interna cari ad entrambi i Paesi, si è discusso principalmente di politica europea. La presidente della Confederazione ha informato i suoi interlocutori in merito al proprio incontro del 23 novembre con il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker. Si è parlato anche delle priorità delle presidenza austriaca del Consiglio dell’UE nel secondo semestre del 2018.

Martedì, la presidente della Confederazione si recherà in Portogallo, dove si terrà la visita presidenziale inizialmente prevista a metà ottobre e rimandata a causa degli incendi boschivi divampati in Portogallo e dei tre giorni di lutto nazionale dichiarati dal Governo lusitano.


Further information:

United Nations Industrial Development Organization
DFAE: Relazioni bilaterali Svizzera–Austria


Address for enquiries:

Brigitte Hauser-Süess
Servizio stampa del DATEC
+41 79 292 08 77


Publisher:

Dipartimento federale dell
Dipartimento federale degli affari esteri